Torna alla homepageIniziativeQuesitiNewsFormazione OnlineChi siamoCome associarsiContattiLink
   

2718795 utenti hanno
visitato il sito di Acsel

 
LAVORI PUBBLICI
30/05/2008

"Appalti news" n. 59/2008

01 – In tema di risarcimento del danno da responsabilità precontrattuale (illegittimo annullamento di un’aggiudicazione) di una Stazione Appaltante: Quali voci vengono accettate e quali invece negate?

Nel caso di richiesta di risarcimento del danno per responsabilità precontrattuale, a seguito della revoca dell'aggiudicazione, il risarcimento va riconosciuto nei limiti dell'interesse negativo, rappresentato dalle spese inutilmente sopportate nel corso delle trattative e dalla perdita di ulteriori occasioni per la stipula con altri di un contratto almeno parimenti vantaggioso. In particolare, nel caso di appalto di servizi, per ciò che concerne la perdita di altre occasioni da parte dell'impresa, l'ammontare del risarcimento può essere determinato……

02 - Quali sono le conseguenze per una Stazione Appaltante nel caso “cambi idea” rispetto ad un’iniziata procedura ad evidenza pubblica?Relativamente alla pa, è da riconoscere la responsabilità precontrattuale a norma dell’articolo 1137 del codice civile? A quanto ammonta il risarcimento del danno da riconoscere all’impresa che ha partecipato alla gara, poi revocata?

Un diverso opinamento su scelte prese in precedenza dalla P.A., se in astratto non può dirsi illegittimo in sé e può dare luogo a nuove determinazioni, modificative di quelle precedenti, nell’ipotesi di una gara formalmente avviata, con l’invito di alcune imprese, la presentazione delle offerte da parte di alcune tra esse e, a maggior ragione, l’inizio delle operazioni concorsuali da parte della commissione di gara, la facoltà di porre tutto nel nulla non può essere presa disinvoltamente, sic et simpliciter, senza farsi carico delle aspettative ingenerate……

03 - La responsabilità (precontrattuale per culpa in contrahendo) della stazione appaltante davanti al giudice amministrativo in caso di annullamente illegittimo di un’aggiudicazione (mancanza dell’adeguata copertura finanziaria)

Nel momento in cui un’ impresa partecipa ad un appalto, è legittimo che la sua aspettativa sia quella di aggiudicarsi l’appalto._Nella fase successiva, qualora l’impresa riesca effettivamente ad aggiudicarsi l’appalto, è legittima la sua aspettativa a sottoscrivere il contratto._Pertanto qualora l’amministrazione decida, ingiustamente, di……

04 - Escludere un raggruppamento per aver partecipato in forma giuridica anziché in un'altra si pone in contrasto con la normativa comunitaria, che vieterebbe di imporre ai raggruppamenti di operatori economici una forma giuridica specifica?.

Nei confronti dell’amministrazione non è indifferente la scelta di un tipo di associazione rispetto ad un’altra, giacchè nell’associazione mista l’impresa mandante risponde direttamente, ai sensi dell’art. 13, comma 2 della legge n. 109/1994, nei confronti della stazione appaltante con riferimento ai lavori di propria competenza, mentre l‘art. 95, comma……

05 - Appalto da affidare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa: è corretto il comportamento di una Commissione che dopo aver esaminato la documentazione di ammissione alla gara dei concorrenti , ha ulteriormente integrato l’elemento della “documentata esperienza” per la valutazione dell’offerta ,facendolo coincidere con il fatturato dichiarato ai fini dell’ammissione alla gara?

Poiché il “disciplinare di gara” annesso al bando gl’imprenditori aspiranti alla partecipazione alla gara avrebbero dovuto rendere «dichiarazione dell’importo globale d’impresa e dell’importo relativo alle forniture identiche a quelle in gara negli ultimi tre esercizi», a titolo di prova della capacità economica e finanziaria, e considerato che sempre il disciplinare……

06 - In tema di procedimento di verifica delle offerte anomale

il sub procedimento volto alla verifica dell’anomalia dell’offerta costituisce espressione di un potere tecnico-discrezionale e la motivazione della valutazione effettuata circa l’anomalia dell’offerta costituisce elemento decisivo ai fini della verifica della correttezza……

07 - Il punto di vista del concorrente per la verifica dell’offerta anomala

In vista dello sviluppo di un'effettiva concorrenza nel settore degli appalti pubblici, il concorrente deve poter far valere, utilmente ed in contraddittorio, il suo punto di vista su ciascuno dei vari elementi di prezzo proposti, prima che l’amministrazione……

08 - Le giustificazioni fornite su di un’offerta “presunta”anomala e Le valutazioni tecnico discrezionali dell’amministrazione:

Orbene, a fronte della plausibilità di tali delucidazioni la stazione appaltante non è tenuta a svolgere un’apposita fase istruttoria tesa ad accertare la veridicità dei chiarimenti forniti, né è chiamata a dare puntuale motivazione dell’esito positivo della verifica dell’anomalia, il quale può trovare sostegno per relationem nelle giustificazioni presentate dal concorrente_ Il giudizio sull’anomalia dell’offerta nelle gare di appalto di opere pubbliche costituisce una tipica valutazione tecnico-discrezionale dell’amministrazione ed è sindacabile solo ove presenti palesi errori di fatto, aspetti di manifesta irrazionalità o evidenti contraddizioni logiche……

09 – Esclusione per anomalia dell’offerte economica: qual è l’interesse a ricorrere nel caso di partecipazione di un numero di imprese maggiore di due?

Costituisce principio consolidato, in materia di appalti pubblici, quello secondo cui l’interesse al ricorso contro l’aggiudicazione và negato in capo al soggetto che…….

10 - In tema di presunta irragionevolezza del requisito di capacità economica richiesto dal bando di gara con riferimento al fatturato conseguito nell’ultimo triennio

In particolare, a fronte di un valore dell’appalto stimato in € 15.000.000,00 per l’intero periodo di servizio (3 + 2 anni), era richiesto ai concorrenti, nel triennio antecedente, un fatturato complessivo di almeno € 30.000.000,00, nonché un fatturato per…….

11 - L’ammissione di imprese che hanno svolto servizi identici a quelli dell’appalto nei tre anni precedenti

Alla stregua delle disposizioni dettate dagli artt. 13 e 14 del d.lgs. 17 marzo 1995, n. 157, deve ritenersi consentito l'Amministrazione, allo scopo di ottenere la dimostrazione della capacità economica, finanziaria e tecnica dei partecipanti, limitare……

12 - Seguendo i principi di logicità e proporzionalità, immanenti all’attività pubblica, può una stazione appaltante richiedere, tra i requisiti tecnici, un fatturato doppio rispetto al valore dell’appalto e il 140% riferiti al fatturato dei servizi corrispondenti ?

La nota e chiara ratio sottostante alla individuazione da parte della stazione appaltante di requisiti relativi al possesso di pregresse esperienze, in grado di evocare una astratta affidabilità dei concorrenti, va combinata con la più generale ratio che presiede alla stessa esistenza delle procedure concorsuali, che richiede che nessuna delle connesse regole……

13 - L’ esclusiva prestazione di polizza bancaria e non anche assicurativa a copertura delle obbligazioni assunte dal concessionario (comunque sottoposto alle norme del codice dei contratti), viola le disposizioni della normativa portata dalla l. n. 382 del 1982 la quale dispone che in tutti i casi in cui è prevista la costituzione di una cauzione a favore dello Stato o altro ente pubblico, questa può essere costituita, oltre che da fideiussione bancaria, da fideiussione assicurativa rilasciata da imprese di assicurazione debitamente autorizzate all’esercizio del ramo cauzioni.?

Poiché la disciplina che regola gli appalti di servizi, contenuta nel c.d. codice degli appalti (D. L.vo n. 163/96), dispone all’art. 75, intitolato “Garanzie a corredo dell’offerta”, che l’offerta del partecipante ad una gara deve essere corredata da garanzia sotto forma di cauzione o di fideiussione. La fideiussione, poi, “a scelta dell’offerente, può essere bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari finanziari …”, appare illegittima la scelta della Stazione Appaltante di limitare la presentazione della cauzione solo attraverso una fideiussione bancaria……

14 - La polizza cauzioni va sempre accettata

Anche se le norme della lex specialis non prevedono, tra le modalità di presentazione della cauzione provvisoria, la polizza fideiussoria ma solo una cauzione bancaria, in virtù della norma imperativa di cui all’art. 1 della L. 10 giugno 1982, n. 348, l’amministrazione non ha diritto di escludere dalla procedura ad evidenza pubblica, un’impresa……

15 - Va accettata la polizza cauzioni provvisoria in quanto la Compagnia di Assicurazione puo’ farsi garante anche della cauzione definitiva

Anche se un bando di gara non lo ammette in maniera esplicita, è sempre possibile presentare la cauzione provvisoria con polizza assicurativa in considerazione del fatto che la Compagnia di Assicurazione puo’ farsi garante anche della cauzione definitiva _Andrebbero legittimamente escluse solo le ditte che presentassero una cauzione insufficiente……

16 - La cauzione provvisoria può essere presentata anche con un assegno circolare

La produzione di un assegno circolare (il quale, a differenza dell'assegno bancario, costituisce un ordinario strumento di pagamento delle obbligazioni pecuniarie, in tutto e per

tutto equivalente al versamento in contanti delle somme dovute) assurge a modalità quoad effectum equipollente – quanto alla costituzione del deposito cauzionale……

17 - La stazione appaltante può accettare un assegno circolare (ma non un assegno di conto corrente bancario)

La produzione dell'assegno di conto corrente non assolvendo alla necessità di effettiva garanzia, non può ritenersi sufficiente ad integrare un corretto deposito cauzionale e, pertanto, deve condurre all'esclusione dell'offerta_L’ assegno circolare, a differenza dell'assegno bancario……

Download riservato agli associati: >> Appalti news n. 49/2008

Email
Password