Torna alla homepageIniziativeQuesitiNewsFormazione OnlineChi siamoCome associarsiContattiLink
   

2365646 utenti hanno
visitato il sito di Acsel

 
LAVORI PUBBLICI
19/06/2008

"Appalti news" n. 62/2008

01 - Confermato da parte del Consiglio di Stato l’ annullamento di un’aggiudicazione (con relativa escussione della cauzione provvisoria) per la mancata dimostrazione della regolarità contributiva da parte della prima classificata

L'appartenenza della posizione presso la Cassa edile alla nozione della cd. regolarità contributiva risulta infatti stabilita dalla……

02 - E’ legittimo il provvedimento di annullamento di un’aggiudicazione con relativa escussione della garanzia provvisoria a causa nella mancanza della regolarità contributiva di una mandante di un’ ati partecipante ad una procedura ad evidenza pubblica(in specie sarebbe stato rinvenuto un DURC contraffatto e tale fatto avrebbe causato – secondo la stazione appaltante- turbativa del procedimento di gara).?

Poiché l’art. 48 del decreto legislativo n. 163 del 2006 (che riproduce la disposizione dell’art. 10, 1 quater della legge 11 febbraio 1994, n. 109) stabilisce che nel caso in cui la documentazione acquisita dalla stazione appaltante non confermi le dichiarazioni contenute nella domanda di partecipazione o nell’offerta, i soggetti aggiudicatori procedono all’esclusione dei concorrenti dalla gara, alla escussione della cauzione provvisoria e alla segnalazione del fatto all’Autorità per la Vigilanza sui lavori pubblici per le consequenziali determinazioni, nel caso, il ritrovamento di un Durc contraffatto attestante una regolarità contributiva che in effetti non risultava dai Durc rilasciati dagli enti competenti, integra la fattispecie di non……

03 - Accertato in sede di verifica il difetto dei requisiti relativa a 1) Mancata documentazione del possesso, alla data di effettuazione della gara, della licenza di rimessa, prevista come requisito di ammissione; 2) Irregolarità contributiva presso l'Inps come da DURC; 3) Irregolarità fiscale, come documentato da visure allegate in copia prodotte dall'Agenzia delle Entrate per gli anni 1999, 2000, 2001, 2002 e 2003 e la non corrispondenza al vero dell'autodichiarazione, il seggio di gara avrebbe dovuto escludere dalla gara la ditta aggiudicataria, con conseguente escussione della garanzia provvisoria?

Il doveroso bilanciamento fra il dovere dell'amministrazione a consentire la regolarizzazione dei documenti presentati dai candidati ed il principio della par condicio tra i partecipanti ad una selezione concorsuale va ricercato nella distinzione tra il concetto di regolarizzazione e quello di integrazione documentale, tenendo presente che quest'ultima non è consentita, risolvendosi in un effettivo vulnus del principio di……

04 - Revoca di una certificazione SOA rilasciata in base a false attestazioni (documentazione risultata falsa rispetto ad alcuni lavori non realizzati) con relativa annotazione al casellario giudiziario: può l’impresa “bugiarda” ottenere un’altra Soa? Se nel frattempo è avvenuta un’aggiudicazione, vige l’obbligo per la Stazione Appaltante di annullare l’aggiudicazione e di escutere la cauzione provvisoria?

La cauzione provvisoria, con la possibilità del suo incameramento da parte della stazione appaltante, assolve sia ad una funzione indennitaria in caso di mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell'aggiudicatario, dall'altro una funzione più strettamente sanzionatoria in caso di altri inadempimenti procedimentali del concorrente _Tale fatto dell’aggiudicatario non necessariamente deve assumere i caratteri di un fatto…….

05 - Sulla possibilità di richiedere, oltre alla reintegrazione in forma specifica (ovvero il subentro del ricorrente nel rapporto con la p.a ) per il periodo residuo di validità dell’appalto anche il risarcimento del danno per equivalente per il periodo del contratto già eseguito

La reintegrazione in forma specifica rimane, anche nel processo amministrativo, un rimedio risarcitorio, ossia una forma di reintegrazione dell’interesse del danneggiato mediante una prestazione diversa e succedanea rispetto al contenuto del rapporto obbligatorio; la reintegrazione in forma specifica non va confusa né con l’azione di adempimento (con la quale si chiede la condanna del debitore all’adempimento dell’obbligazione), né con…….

06 - Sulla possibilità di richiedere solo il risarcimento del danno e sulla soddisfazione degli interessi della parte vittoriosa attraverso l’annullamento della procedura ed il suo rinnovo

Il Consiglio di Stato ricorda il recente orientamento espresso dalla Suprema Corte, secondo cui deve escludersi la necessaria dipendenza del risarcimento del danno dal previo annullamento dell’atto illegittimo e dannoso, sicché al giudice amministrativo può essere chiesta la tutela demolitoria e, insieme, o successivamente, quella risarcitoria, ma anche soltanto quest’ultima, senza che in tal caso la parte debba osservare il termine…….

07 - Appalto da affidare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa: vanno esclusi a priori quei parametri (valore qualitativo dell’impresa )che attengono alla professionalità del concorrente tra gli elementi posti a base della valutazione dell’offerta? L’attività della Commissione è vincolata assolutamente dalla norme della lex specialis di gara? La scelta della formula regolatrice delle valutazioni relative agli aspetti tecnici dell’offerta appartiene al merito dell’azione amministrativa, sindacabile solo per manifesta illogicità?

Il Consiglio di Stato ritiene che gli elementi che attengono comunque alla professionalità del concorrente, possono essere legittimamente valutati nella misura in cui aspetti dell’attività dell’impresa possano illuminare la qualità dell’offerta._In generale…….

08 - L'articolo 51 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 che consente alle imprese invitate di riorganizzare l'attività imprenditoriale anche modificando la propria struttura soggettiva, ha carattere innovativo oppure codifica un principio già affermato dalla giurisprudenza amministrativa? quali oneri ne discendono in capo al cessionario ed all'amministrazione procedente?

L'articolo 51 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, secondo il quale "qualora i candidati o i concorrenti, singoli, associati o consorziati, cedano, affittino l’azienda o un ramo d’azienda, ovvero procedano alla trasformazione, fusione o scissione della società, il cessionario, l’affittuario, ovvero il soggetto risultante dall'avvenuta trasformazione, fusione o scissione, sono ammessi alla gara, all’aggiudicazione, alla stipulazione, previo accertamento sia dei requisiti di ordine generale, sia di ordine speciale, nonché dei requisiti necessari in base agli eventuali criteri selettivi utilizzati dalla stazione appaltante ai sensi dell’articolo 62, anche in ragione della cessione, della locazione, della fusione, della scissione e della trasformazione…….

09 - Principio dell’avvalimento: si ritiene ammissibile la circolazione oggettiva di alcune delle referenze proprie dell’operatore economico, le quali, in quanto non strettamente personali dell’imprenditore, possono essere utilizzate da diverso soggetto alla sola condizione che esso dimostri di poterne effettivamente disporre e che dell’utilizzazione sia fatta informazione alla stazione appaltante: valida quindi la cessione di ramo di azienda (e legittima anche la garanzia provvisoria).

Si può, ritenere acquisito nella giurisprudenza vigente l’ulteriore principio della derogabilità dell’immodificabilità soggettiva dell’offerente, ammettendosi la possibilità del subentro allo stesso di altro soggetto nella posizione di contraente o di partecipante ad una gara per l’aggiudicazione di un appalto pubblico in caso di cessione di azienda e di trasformazione di società; sempre che la cessione dell’azienda o gli atti di trasformazione, fusione o scissione…….

10 - Nel caso di invalidità di una gara per l'aggiudicazione di un contratto della p.a. per la illegittima esclusione di alcune ditte offerenti, occorre sempre disporre la rinnovazione integrale della procedura, oppure bisogna distinguere fra procedure ad aggiudicazione automatica e procedure da affidare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa?

Secondo principi generali del diritto amministrativo, il potere di annullamento degli atti amministrativi può essere sempre esercitato parzialmente, nel senso che possono essere annullati solo alcuni atti del procedimento, mantenendosi validi ed efficaci gli atti anteriori, qualora, rispetto a questi, non sussistano ragioni demolitorie. Nel caso di invalidità di una gara per l'aggiudicazione di un contratto della p.a. per la illegittima esclusione di alcune ditte offerenti non occorre disporre la rinnovazione integrale della procedura (con la riapertura cioè, della stessa fase di presentazione delle offerte) ma può legittimamente……

11 - Sulla nozione di organismo di diritto pubblico, sulle problematiche relative alla qualifica di un Ente Fiera e sulla giurisdizione del giudice amministrativo nelle controversie relative a procedure di affidamento di lavori, servizi o forniture svolte da soggetti comunque tenuti, nella scelta del contraente o del socio, all’applicazione della normativa comunitaria ovvero al rispetto dei procedimenti di evidenza pubblica previsti dalla normativa statale o regionale

L’art. 6 legge 205/00 è norma idonea a radicare la giurisdizione amministrativa sulle procedure di affidamento dei lavori se – e solo se – il soggetto affidante sia obbligato al rispetto dei procedimenti di evidenza pubblica, con la conseguenza che la norma non trova applicazione nelle ipotesi in cui l’adozione del modello procedimentale pubblico non sia imposto da un obbligo normativo, ma costituisca il frutto di una libera scelta del soggetto appaltante_Né vale a fondare siffatto obbligo la considerazione per cui i lavori siano finalizzati alla soddisfazione di interessi generali ed oggetto di un finanziamento pubblico, poiché dette circostanze……

12 - In merito ad un frazionamento artificioso degli appalti (finalizzato ad eludere la norma sul limite dei € 100.000 per l’uso della trattativa privata) e comunque circa la non motivazione dell’utilizzazione del metodo stesso della trattativa privata, anziché di un metodo competitivo e su di un uso corretto del potere di autotutela di annullamento degli atti considerati illegittimi

La circostanza della riportata distanza geografica non ha peso: a parte che si tratta comunque di distanza assai modesta, che può essere coperta in un assai breve tempo, domina su tutto il fatto che si tratta di lavori pubblici comunali, vale a dire di un àmbito territoriale per definizione circoscritto e tale da consentire il simultaneo controllo operativo, da parte dell’appaltatore, dei vari cantieri _Nulla consentiva dunque di derogare al principio moralizzatore del divieto del frazionamento artificioso degli appalti di opere pubbliche finalizzato alla elusione del divieto della trattativa privata al di sopra della soglia degli € 100.000:il ricorso alla trattativa privata, quand’anche dopo l’innovazione all’art. 24 cit., ad opera della ……

13 - Appalto di servizi e verifica dell’offerta anomale: è possibile minimizzare l’ importanza di tre voci a) Gli oneri riferiti alla manutenzione di mezzi ed attrezzature; b) L’onere riferito alle spese generali ed all’utile di impresa, c) L’onere riferito alla presentazione degli elaborati tecnici descritti nell’art. 17 del Capitolato Speciale d’Appalto, non considerate nelle giustificazioni offerte dall’appellante?.

Si tratta di spese che indubbiamente incidono in qualche modo per lo svolgimento del servizio e quindi averle del tutto trascurate costituisce una grave dimenticanza da parte dell’appellante._Invero, pur nell’ambito della complessiva attività svolta da un’impresa (che normalmente svolge contemporaneamente non solo uno specifico appalto ma anche altri servizi o lavori) vi sarà senz’altro un costo per spese generali e manutenzione dei mezzi ed attrezzature._ un utile che ammonta a circa 600 euro, come del resto……

14 - Qual è il giudice competente a conoscere di una controversia relativa ad un’escussione di una polizza fideiussoria prestata a garanzia delle obbligazioni assunte e dei danni eventualmente arrecati dalla ditta obbligata principale in conseguenza dell’attività svolta?

La giurisprudenza, anche in materia di incameramento della cauzione sulla base di clausole contrattuali, ha affermato la sussistenza della giurisdizione del Giudice Ordinario_ Il suddetto incameramento, quindi, non ha natura provvedimentale rappresentando l’esercizio di una facoltà prevista dal contratto, espressione dell’autonomia negoziale della Provincia……

Download riservato agli associati: >> Appalti news n. 62/2008

Email
Password