Torna alla homepageIniziativeQuesitiNewsFormazione OnlineChi siamoCome associarsiContattiLink
   

2249802 utenti hanno
visitato il sito di Acsel

 
LAVORI PUBBLICI
07/04/2008

appalti news n. 44/2008

01 - Si può affermare che il risarcimento del danno per equivalente consiste nel determinare, se non di fatto, economicamente, la situazione che si sarebbe verificata in assenza del fatto illecito?

Se il ripristino non già dello status quo antea, ma della situazione che si sarebbe avuta in assenza del fatto illecito, consiste, quando danneggiante è la pubblica amministrazione, anche nella rinnovazione della attività amministrativa (nella specie, con la assegnazione della concessione per la sala giochi) e nella attribuzione, ora per allora, del bene della vita (nella specie, la concessione per sei anni a decorrere dall’inizio della attività), il risarcimento avviene nella forma più specifica e reale possibile, successiva al pronunciamento demolitorio: poiché il risarcimento del danno deve porre il creditore o il danneggiato nella situazione nella quale si sarebbe trovato se l’inadempimento non si fosse verificato, esso deve limitarsi ……

02 - E’ illegittima la clausola del disciplinare di gara che impone l’obbligo di richiedere, per tutte le imprese ammesse, alla Prefettura l’informativa antimafia ex art. 10 del D.P.R. n. 252/1998, anche per un appalto di lavori sotto soglia comunitaria.?

La stazione appaltante ha esercitato una facoltà discrezionale, acquisendo una informativa antimafia, che la disciplina vigente impone che debba essere obbligatoriamente richiesta alla Prefettura nelle ipotesi di gare di appalto di importo al di sopra della soglia comunitaria: la scelta della stazione appaltante di avvalersi della possibilità di richiedere l’informativa, non pare preclusa dal disposto di cui all’art. 10 D.P.R. n. 252/1998, che non pone un divieto assoluto di richiedere informazioni, ma viceversa impone l’obbligo assoluto di “acquisire le informazioni” qualora l’importo della gara di appalto superi ……

03 - E’ corretto affermare che devono essere immediatamente impugnate quelle prescrizioni della lex specialis che impongano, ai fini della partecipazione, oneri assolutamente incomprensibili o manifestamente sproporzionati ai caratteri della gara o della procedura concorsuale, e che comportino sostanzialmente l'impossibilità per l'interessato di accedere alla gara ed il conseguente arresto procedimentale?

Può oramai dirsi ius receptum in giurisprudenza il principio secondo cui il bando di gara o di concorso, o la lettera di invito, sono normalmente impugnabili con l'atto applicativo, conclusivo del procedimento concorsuale e possono essere considerati immediatamente impugnabili solo allorché contengano clausole impeditive dell'ammissione dell'interessato alla selezione: in siffatte evenienze, la clausola del bando o della ……

04 - E’ legittima una clausola che imponga l’esclusione nel caso di presentazione dei documenti componenti l’offerta tecnica privi della sottoscrizione di tutte le imprese partecipanti ad un costituendo raggruppamento?

L’apposizione di firma elettronica digitale, nel rispetto delle regole tecniche dettate dal d. lgs. n. 82 del 2005 rende la documentazione presentata su supporto informatico pari, sul piano formale, ad un documento cartaceo con firma manuale.?

Una volta stabilito che il provvedimento di esclusione è immune dai vizi dedotti, va rilevata la inammissibilità delle censure proposte contro la posizione dell’aggiudicataria.?

Il canone ermeneutico tendente a favorire l’ampliamento della platea di concorrenti ad una procedura concorsuale, è destinato a risolvere i casi in cui l’interpretazione della normativa di gara presenti dubbi o equivoci, ma non può comportare la disapplicazione di una prescrizione chiara e vincolante: né questa prescrizione comporta per le concorrenti il peso di una forma-lità irragionevole o sproporzionata. Al contrario tale adempimento, conforme alla comune prassi nelle gare pubbliche, implica un minimo onere di diligenza da parte dei partecipanti alla procedura e risponde ad un rilevante interesse della stazione appaltante di evitare ……

05 - Che cosa deve fare una Stazione appaltante nel caso in cui il certificato della Camera di Commercio di una partecipante non evidenzi l’attestazione dell’esercizio dell’attività oggetto dell’appalto?.

Riscontrata la difformità fra oggetto sociale ed oggetto della fornitura da appaltare, la determinazione di esclusione rappresenta un’attività vincolata e doverosa, tenuto conto che, in presenza di una clausola del bando la cui osservanza è prescritta a pena di esclusione, il criterio teleologico deve recedere a fronte dell’applicazione del criterio ……

06 - Partendo dal presupposto che le prescrizioni contenute nell’art. 17 della legge n. 68/99 sono di cogente ed immediata applicazione, anche in difetto di specifica previsione della lex specialis., le stesse sono obbligatorie anche nelle gare informali indette nell’ambito di una trattativa privata.?

La giurisprudenza ha precisato che, in mancanza di una procedura ad evidenza pubblica espressamente e dettagliatamente disciplinata, ove l’ente appaltante faccia ricorso a trattativa privata, ancorché “procedimentalizzata”, si può prescindere dalla rigorosa applicazione dell’art. 17 della legge n. 68/99 : risulta quindi sufficiente che la prescritta dichiarazione, che va resa “preventivamente”, sia prodotta dall’impresa prima ……

07 - E’ legittima, se non doverosa, l’esclusione di un’impresa la cui offerta risulta priva della cauzione provvisoria, anche se il bando di gara non prevede espressamente una tale conseguenza in caso di mancata allegazione?

L’esclusione della partecipante risulta disposta legittimamente, in quanto, incontestato che la quietanza attestante l’avvenuto deposito della cauzione di € 8.175,80 non era stata depositata da questa concorrente entro le ore 12 del 29.4.2005 unitamente alla domanda di partecipazione, bensì soltanto il 2.5.2005 (come integrazione successiva); e atteso che la cauzione costituisce parte integrante dell’offerta e non mero elemento a corredo della stessa, per cui non può essere oggetto di regolarizzazione postuma, ne deriva che nella specie appunto l’offerta è risultata priva di un elemento essenziale ……

Download riservato agli associati: >> "Appalti news" n. 44/2008

Email
Password