Torna alla homepageIniziativeQuesitiNewsFormazione OnlineChi siamoCome associarsiContattiLink
   

2224209 utenti hanno
visitato il sito di Acsel

 
PERSONALE E ORGANIZZAZIONE
25/06/2008

Le principali disposizioni del decreto legge per gli enti locali - seconda parte - (di Arturo Bianco)

Fonte: www.comune.roma.it

Completiamo la trattazione delle principali disposizioni del decreto legge approvato dal Governo lo scorso 18 giugno per gli enti locali.

PERSONALE

Personale delle società pubbliche Art. 19 Le società interamente pubbliche che gestiscono servizi locali applicheranno le stesse regole in vigore nelle Pubbliche Amministrazioni per le assunzioni di personale ed il conferimento di incarichi. Le altre società a partecipazione pubblica adottano regole ispirate ai principi comunitari di trasparenza, pubblicità ed imparzialità

Contratti di lavoro a tempo determinato Art. 23 Ampliamento della possibilità di ricorrere alle assunzioni a tempo determinato anche per le esigenze ordinarie; i CCNL possono introdurre norme di deroga alla durata

Adempimenti formali dei datori di lavoro Art. 42 Per i datori di lavoro privati è prevista la attivazione del libro unico dei lavoratori da aggiornare mensilmente; le dichiarazioni false ivi contenute sono duramente sanzionate

Tenuta dei documenti di lavoro Art. 44 Tutti i datori di lavoro possono tenere, previa comunicazione alla Direzione Provinciale del Lavoro, i documenti presso lo studio del consulente utilizzato. Al momento della assunzione vi è l'obbligo di consegnare al dipendente copia della comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro, obbligo assolto anche mediante consegna del contratto individuale. Obbligo di informazione periodica del numero di lavoratori assunti "obbligatoriamente" che risultano essere in servizio

Modifica delle norme sull'orario di lavoro Art. 45 Il lavoro è considerato notturno se supera le 3 ore nel corso della notte. Non applicazione delle norme sul riposo minimo giornaliero al personale utilizzato in reperibilità e nuove regole per il suo calcolo. Modifiche al regime sanzionatorio

Incarichi di collaborazione nelle PA Art. 51 Gli incarichi di collaborazione nelle PA sono conferibili a laureati, fatti salvi i casi in cui sia necessaria la iscrizione a specifici albi professionali, ovvero si sia in presenza di prestazioni artistiche o per gli artigiani, ferma restando la necessità di accertare l'esperienza nel settore. Il conferimento di incarichi di cococo per le attività ordinarie è fonte di responsabilità amministrativa. Gli incarichi sono conferibili solo per attività istituzionali previste da legge o nel programma approvato dal Consiglio. Viene definito il contenuto minimo del regolamento che deve essere adottato da parte degli eell. Il tetto di spesa è fissato nel bilancio preventivo

Controlli sul cumulo di incarichi dei dipendenti Art. 52 Attribuzione alla Funzione Pubblica del compito di controllo sul cumulo degli incarichi dei dipendenti e sul rispetto delle regole sulla compatibilità; tale compito viene svolto d'intesa con i servizi ispettivi degli enti e con la Guardia di Finanza

Lavoro flessibile nelle PA Art. 54 Per le esigenze ordinarie le PA possono effettuare solo assunzioni a tempo indeterminato; quelle flessibili possono essere effettuate solo per esigenze temporanee ed eccezionali; la disciplina della materia è rimessa alla contrattazione nazionale, ferma restando la competenza degli enti alla individuazione delle necessità organizzative; divieto di ricorso alla somministrazione per gli incarichi direttivi e dirigenziali; ricorso a procedure di imparzialità e trasparenza; i lavoratori non possono essere utilizzati per più di 3 anni nell'ultimo quinquennio anche con diverse tipologie contrattuali; responsabilità amministrativa e dirigenziale in caso di inosservanza, se ne tiene conto anche nella valutazione

Contrattazione nazionale ed integrativa decentrata nelle PA Art. 73 Disapplicazione per il 2008 e riduzione del 20% dal 2010 delle norme che prevedono finanziamenti integrativi per il trattamento accessorio del personale statale. Riduzione dei fondi per la contrattazione integrativa nello Stato; essi non devono superare quello dell'anno 2004. Divieto di sottoscrizione dei contratti a fronte della certificazione negativa della Corte dei Conti. Riscrittura delle regole per la approvazione della contrattazione nazionale. Obbligo di trasmissione annuale entro il 31/5 da parte di tutte le PA alla Corte dei Conti, tramite la Ragioneria Generale dello Stato, di prospetti sulla contrattazione decentrata integrativa, ivi compresi i meccanismi di erogazione dei fondi. Possono essere proposti interventi correttivi di comparto e per singoli enti. Fatta salva la eventuale responsabilità, le clausole contrattuali illegittime sono sospese e vi è obbligo di recupero nella contrattazione successiva Pubblicità sul sito web di tali documenti e sanzioni per gli enti inadempienti

Personale infermo per cause di servizio Art. 76 Esclusione di ogni trattamento aggiuntivo, a decorre dallo 1.1.2009, per il personale infermo per cause di servizioal di là dell'equo indennizzo

Vincoli alle assenze per malattia Art. 77 Durante le assenze per malattia nei primi 10 giorni non è possibile erogare trattamento economico accessorio, fatte salve clausole speciali previste nei CCNL per specifiche ragioni di assenza; le assenze superiori a 10 giorni e la assenza successiva alla seconda nell'anno vanno certificati da una struttura sanitaria pubblica; cambiano i criteri per il loro computo rispetto al monte ore; vengono accresciuti i controlli, anche attraverso l'ampliamento della fascia oraria in cui si deve essere a casa; i CCNL disciplinano i permessi retribuiti, da conteggiare comunque ad ore; di regola tali assenze non sono equiparate alla presenza ai fini del salario accessorio; inderogabilità da parte dei CCNL

Riduzione delle aspettative e permessi sindacali Art. 78 Il monte dei permessi e delle aspettative sindacali è ridotto del 50%

Modifiche al part time Art. 80 Introdotte modifiche alle norme sul part time

Spesa per il personale degli eell Art. 83 Inserimento nella spesa per il personale dei cococo ,del lavoro somministrato, delle assunzioni ex art. 110 del DLgs n. 267/2000 e dei soggetti utilizzati, senza estinzione del rapporto di lavoro pubblico, presso società facenti capo all'ente. Abrogazione della possibilità di aumentare la spesa per il personale negli enti non soggetti al patto di stabilità. Divieto di assunzione, ivi compresi cococo, somministrati e stabilizzazioni, nonché la stipula di contratti di servizio che sia elusione di tali vincoli, per gli enti che non hanno rispettato nell'anno precedente il patto. Riduzione della spesa per il personale negli enti soggetti al patto ed in particolare di quella per la contrattazione decentrata. Delega alla individuazione degli enti virtuosi e fino alla sua emanazione divieto di assunzione negli enti in cui la spesa per il personale sia superiore al 50% delle spese correnti

SEMPLIFICAZIONI

Riduzione del numero delle leggi Art. 26 Viene drasticamente ridotto il numero delle leggi che sono attualmente in vigore

Riduzione degli oneri amministrativi Art.

27 Delega al Governo per la adozione di un piano per la riduzione di almeno il 25% degli oneri amministrativi derivanti per le imprese da obblighi informativi nelle materie di competenza dello Stato. Del raggiungimento di tali obiettivi si tiene conto nella valutazione dei dirigenti

Soppressione di enti pubblici Art. 28 Soppressi gli enti pubblici con meno di 50 abitanti, quelli non individuati dalle PA per la loro conferma ed alcuni indicati direttamente

Riduzione dei documenti cartacei Art. 29 La spesa per i documenti cartacei delle PA deve essere ridotta del 50%. La Gazzetta Ufficiale sarà distribuita solo in via telematica per gli abbonamenti a carico di PA

Semplificazioni per il trattamento dei dati personali Art. 31 Viene prevista l'autocertificazione per i soggetti che non trattano dati personali sensibili se non quelli relativi alla salute dei propri dipendenti; viene snellito il contenuto del documento programmatico sulla sicurezza. La notificazione del trattamento di dati personali viene semplificata e può essere effettuata solo on line attraverso il sito del Garante

Semplificazione delle procedure per le aziende certificate Art. 32 I controlli amministrativi per le aziende certificate ai fini della qualità sono sostituiti dalle periodiche verifiche effettuate dagli enti certificatori. Questa norma si applica anche agli enti locali ed alle regioni

Prolungamento della validità della carta di identità Art. 33 La validità delle carte di identità, anche di quelle in corso, viene portata a 10 anni; i comuni hanno l'obbligo di informare i cittadini della imminenza della loro scadenza

Strumenti metrici Art. 36 Le funzioni relative agli strumenti metrici passano nell'ambito delle competenze dei comuni

Installazione di impianti negli edifici Art. 37 Il Governo è delegato ad adottare una nuova disciplina per la installazione di impianti negli edifici, comprensivo delle norme per l'autorizzazione, il controllo e le sanzioni

Abrogazione di adempimenti non necessari Art. 40 Con specifico regolamento sono individuati ed abrogati gli adempimenti connessi a pratiche sanitarie non necessarie per la tutela della salute

Semplificazioni al processo del lavoro Art. 59 Possibilità della emanazione di una sentenza immediata di definizione del giudizio nei casi non particolarmente complessi

Semplificazioni al processo amministrativo Art. 60 Riduzione dei termini; nuova disciplina delle domande di equa riparazione; modifica alle regole di funzionamento del Consiglio di Stato

Accelerazione del contenzioso tributario Art. 61 Semplificazione delle procedure per i giudizi pendenti su ricorso della amministrazione finanziaria

Email
Password