Torna alla homepageIniziativeQuesitiNewsFormazione OnlineChi siamoCome associarsiContattiLink
   

2249828 utenti hanno
visitato il sito di Acsel

 
LAVORI PUBBLICI
15/04/2008

appalti news n. 46/2008

01 - Avvalimento: interazioni e responsabilità fra ditta partecipante e ditta avvalsa ed escussione della garanzia provvisoria (presentata in sede di offerta) in caso di mancata dimostrazione di un requisito speciale (fatturato precedente) in caso di dichiarazione mendace della ditta avvalsa.

All’esclusione dalla gara correttamente è seguita l’escussione della cauzione provvisoria e la segnalazione all’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, trattandosi di effetti automatici espressamente previsti dall’art. 48 D.lvo 2006 n.163, nel caso di dichiarazione della partecipante attestante il possesso di requisiti tecnici afferenti la gestione e realizzazione di impianti - anche mediante avvalimento ai sensi dell’art. 49 del D.lvo 2006/163 - pur non essendo in grado di comprovare tali requisiti: le sanzioni solo legittime considerato che alla nota citata è allegata la dichiarazione dell’impresa avvalsa in cui la stessa attestava espressamente di aver eseguito la mera “fornitura” del materiale necessario per almeno ……

02 - E’ corretto affermare che il Codice degli appalti distingue nettamente tra requisiti di partecipazione alla gara e criteri attinenti all’aggiudicazione vera e propria, disciplinati rispettivamente dagli art. 42 e 83 del D.lgs. 12 aprile 2006 n. 163?E’ illegittima una lex specialis di gara che considera le referenze dell’impresa (l’aver svolto attività di manutenzione di reti di rilevamento della qualità dell’aria) sia come requisito minimo di ammissione alla gara (capacità tecnica) sia come elemento di valutazione dell’offerta (merito tecnico)?Se invece esiste una differenza fra un criterio statico e quantitativo attinente all’esperienza vantata dall’offerente e un criterio qualitativo ai sensi dell’art. 83 lett. b) del D.Lgs. 163/2006 poiché si richiede un elemento aggiuntivo (la valutazione della specifica tipologia dei clienti (pubblici o privati) e di certificazioni attestanti la regolare esecuzione del servizio) , allora la lex specialis è corretta?Vige l’obbligo di immediato ricorso al bando?

Il D.lgs. 163/06 contiene una rigorosa distinzione tra criteri di idoneità tecnica e professionale dei fornitori e prestatori di servizi, di cui all’art. 42, che attengono alla selezione dell’offerente, e criteri di aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più conveniente elencati a titolo esemplificativo nell’art. 83, che attengono viceversa alla scelta del contraente. Il citato art. 42 recepisce l’art. 48 della direttiva 2004/18/CE nonché l’art. 14 del D.lgs. 17 marzo 1995 n. 157 (in tema di appalti di servizi) e l’art. 14 del D.lgs. 24 luglio 1992 n. 358 (in tema di appalti di forniture) e detta la disciplina dei requisiti soggettivi di partecipazione concernenti la capacità tecnica e professionale la cui valutazione opera sul piano della qualificazione soggettiva dei concorrenti e non del merito tecnico dell’offerta presentata. Pertanto, i documenti e requisiti idonei a comprovare la ……

03 - Si può partecipare ad una trattativa privata e dopo contestare la scelta del tipo di procedura ad evidenza pubblica?

Per pacifica giurisprudenza , la partecipazione a trattativa privata, senza formulazione di alcuna riserva in ordine all'impugnativa o di alcuna contestazione della sua legittimità, costituisce comportamento acquiescente evidenziando, chiaramente ed univocamente, la volontà di accettare la tipologia di gara scelta ……

04 - La partecipazione alla successiva trattativa privata, dopo che l’Amministrazione aveva deciso di non procedere all’aggiudicazione, non può che implicare acquiescenza, da parte del soggetto che aveva partecipato alla pregressa gara pubblica, al provvedimento con il quale la stessa Amministrazione aveva preso atto dell'esito non soddisfacente del pubblico incanto

Affidamento dei servizi assicurativi: la partecipazione, senza specifica riserva, ad una trattativa privata preclude l'incardinamento dell'interesse all'annullamento della procedura per motivi attinenti alla assenza delle condizioni legittimanti la scelta di tale metodo di contrattazione, od al difetto di motivazione circa la stessa scelta: la procedura di aggiudicazione a trattativa privata senza previo bando, in caso di offerte inappropriate in una ……

05 - La differenza fra giurisdizione del giudice amministrativo rispetto al giudice civile, può dipendere della qualificazione della posizione soggettiva degli interessati dinanzi al potere di annullamento dell’atto di approvazione di un contratto di diritto privato?

Essendo orientamento giurisprudenziale pacifico, maturato sulla base della normativa sui contratti pubblici (ribadita dal recente Codice degli appalti pubblici, la cui valenza sul piano sistematico è indubbia), la natura complessa del procedimento di formazione dei contratti sottoposti all’evidenza pubblica, il provvedimento che incide su uno degli atti appartenenti alla cd. serie pubblicistica ha natura autoritativa_ Posto che l’atto di approvazione è senz’altro ascrivibile a detta serie, l’annullamento del medesimo non può che costituire ……

06 - La giurisdizione del giudice amministrativo (e non di quello ordinario) sugli atti della cd. serie procedimentale della volontà contrattuale della pa

Con riguardo al riparto della giurisdizione in tema di contratti della P.A. costituisce “ius receptum”, alla stregua della giurisprudenza unanime del Consiglio di Statao, ma anche delle Sezioni Unite della Cassazione, che il procedimento di volontà contrattuale dell’Amministrazione non si svolge integralmente ed esclusivamente sul piano del diritto privato, articolandosi invece attraverso due ……

07 - In quali circostanze, un’amministrazione pubblica non può sottrarsi allo spirito della Legge 241/90 smi che prevede, per tutti i soggetti pubblici, l’obbligo di aprire i propri archivi a chiunque abbia un interesse giuridicamente rilevante a visionare determinati documenti, senza incorrere quindi nell’inosservanza dei principi di trasparenza, imparzialità e buon andamento dell’attività amministrativa?

Qualora_ che l’interesse di una Società ad accedere integralmente agli atti di cui è causa (necessari per svolgere al meglio le sue ragioni in un eventuale, ed ulteriore, sede contenziosa) non sembra, obiettivamente, esser posto in dubbio _ non sussistano di certo le condizioni previste – dall’ordinamento – per la secretazione degli atti amministrativi _ i documenti in questione non facciano assolutamente parte di un procedimento preordinato all’adozione di un atto ……

08 - La ragione dell’obbligo di comunicazione dell’avvio del procedimento

L'obbligo di comunicazione dell'avvio del procedimento (7, comma 1, l. 7 agosto 1990 n. 241 s.m.i.), strettamente connesso con i canoni costituzionali dell'imparzialità e del buon andamento dell'azione amministrativa si fonda sulla duplice esigenza, da un lato, di porre i destinatari dell'azione amministrativa in grado di far valere i propri ……

09 - E’ corretto affermare che bisogna escludere il potere di una Stazione appaltante di far, automaticamente, discendere dall’ammissione alla valutazione di una sola ditta la decisione di non aggiudicare la gara?

E’ stato da tempo chiarito che la normativa prevista dall'art. 69 R.D. 23 maggio 1924, n. 827 - secondo cui non può procedersi all'aggiudicazione in caso di presentazione di una sola offerta - non può essere assimilata alle ipotesi di gara cui risulta ammessa una sola offerta, per essere state le altre escluse in relazione a violazioni delle regole fissate dal bando: il potere di non aggiudicare l’appalto, sempre riconosciuto la giurisprudenza e oggi espressamente previsto dall’articolo ……

10 - E’ inammissibile un’impugnazione, argomentando dalla dichiarazione di espressa accettazione di tutte le condizioni di gara sottoscritta dalla stessa ricorrente all’atto della proposizione della domanda di partecipazione?Gara da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa: per ricorrere alla propria esclusione, l’impresa deve dimostrare la certezza di vittoria?

All’eventuale clausola di accettazione delle condizioni di gara, la cui sottoscrizione sia richiesta ai concorrenti ai fini della partecipazione, non possono attribuirsi effetti preclusivi di ogni futura impugnazione del bando, in quanto ciò significherebbe imporre ai concorrenti, pena l’esclusione dalla gara, una generica e preventiva rinuncia alla tutela …….

11 - E’ corretto il comportamento di un Comune che ha ordinato la demolizione di opere di apposizione di serrande in plastica a chiusura di alcune verande, partendo dal presupposto della necessità del permesso di costruire per la realizzazione delle opere suddette che determinerebbero un aumento di volumetria.?.

Poiché la realizzazione delle serrande non ha comportato alcuna modifica della sagoma originaria dell’edificio in quanto risultano finalizzate alla sola protezione e custodia delle verande allorché nei periodi invernali le predette abitazioni non sono abitate, si deve desumere insussistente quell’aumento di …….

12 - Qual è il margine di discrezionalità di un’amministrazione comunale per un provvedimento di diniego di sanatoria ex lege n. 724/94 per opere eseguite in difformità dalla concessione edilizia (violazione di disposizioni sulla sicurezza) ?L’atto di diniego è vincolato e quindi sottoposto al disposto dell’art. 21 octies della L. n. 241 del 1990?.

Il richiedente il condono edilizio ha l’onere di dimostrare che l’opera è stata completata entro la data utile e che, in mancanza, l’Amministrazione, alla quale non si può far carico di conoscere o di accertare quale fosse la situazione dell’intero suo territorio alla data di scadenza del condono, è tenuta a respingere la domanda e reprimere …….

13 - I provvedimenti di demolizione di opere edilizie abusive richiedono una specifica motivazione sulle ragioni di pubblico interesse che ne giustificano l’adozione?In presenza di abusi edilizi, l’intervento dell’Amministrazione costituisce attività vincolata, mentre l’accertamento di conformità non può in alcun caso prescindere da una specifica iniziativa dell’interessato?

Le opere che comportato un effettivo aumento della superficie abitabile, non sono riconducibili nell’ambito degli interventi di straordinaria manutenzione, contemplati all’art. 3, comma 1, lett. b), del D.P.R. n. 380/01, bensì ricadono nell’ambito di operatività dell’art. 10, lett. c), del D.P.R. n. 380/01 e sono, pertanto, soggette a permesso di costruire: i provvedimenti di demolizione di opere edilizie abusive sono ……

14 - Il parere della Corte di Cassazione

LAVORO PUBBLICO - PROCEDIMENTI PER FATTI DI SERVIZIO - RIMBORSO SPESE

Il diritto del dipendente pubblico al rimborso, da parte dell’amministrazione di appartenenza, delle spese processuali sostenute in relazione a fatti od atti connessi all’espletamento del servizio, spetta solo nel caso di procedimento avviato nei suoi confronti e conclusosi con l’esclusione della responsabilità, non anche quando ……

Download riservato agli associati: >> "Appalti news" n. 46/2008

Email
Password